OBIETTIVI DX-FX-FATTORE CROP

Giudizio Complessivo -1
Il nostro Lettore 0 0
[Total: 0 Average: 0]

Per fare chiarezza partiamo dai formati.. i sensori più comuni hanno formato APS-C “Advanced Photo System Classic”, montati da tutte le reflex digitali dalla entry-level fino a quella semi-professionale.. questi hanno misura 23.6×15.7 mm ( Nikon DX ) e 22.2×14.8 mm ( Canon ).. poi ci sono i sensori formato pieno “35 mm Full frame” e sono di dimensione 24 x 36 mm, esattamente come un fotogramma di pellicola.. ora vi starete chiedendo “cosa me ne frega delle misure dei sensori?”.. lo capirete dopo, abbiate pazienza..

Tutti avrete sentito parlare della lunghezza focale.. si ma cos’è di preciso? Per completezza riporto da wikipedia:

Considerando gli obiettivi come una semplice lente, la lunghezza focale di questi è la misura espressa in millimetri che separa la lente dal piano focale. Essendo gli obiettivi composti da più gruppi di lenti, tale distanza non si misura da una lente in particolare all’interno degli stessi ma dal centro ottico dell’obiettivo che viene definito “punto nodale posteriore” e in genere si trova in prossimità del diaframma. In sostanza la lunghezza focale indica la distanza fra il punto nodale posteriore di un obiettivo e il piano su cui i soggetti all’infinito sono messi a fuoco.

 

Tradotto con un linguaggio meno tecnico e più alla portata di tutti mia compresa, la lunghezza focale è quel numero che compare sull’obiettivo tipo “50 mm”, “35 mm”, etc.. non ci serve sapere altro..! Sappiate però che al variare della lunghezza focale l’obiettivo produrrà un determinato cerchio d’immagine dietro di sè.. cos’è il cerchio d’immagine?? Beh guardate sotto.. faccio prima a farvelo vedere che a spiegarvelo..


 

VEDIAMO IN SEGUITO ALCUNE IMMAGINI PER AIUTARCI A CAPIRE MEGLIO IL CONCETTO CHE SI STA ESPRIMENDO

Immagine prodotta su Foglio di carta
Immagine prodotta su Foglio di carta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Obiettivo 50 mm
Obiettivo 50 mm
Cerchio prodotto da un 50mm
Cerchio prodotto da un 50 mm

 


Risulta facilmente comprensibile  che a seconda della dimensione del sensore che ci metto dietro, andrò a ritagliare una porzione più o meno grande del cerchio d’immagine.. Un sensore più piccolo coprirà una parte più piccola del cerchio d’immagine ed è come se zoomasse sulla parte più centrale!

Per meglio focalizzare, il concetto espresso, è proprio il caso di utilizzare questo termine, riportiamo di seguito una ulteriore immagine dove sono indicati all’interno della stessa N° 2 aree di colori differenti a simboleggiare quanto porzione utile in relazione al tipo di processore viene considerata.

 

L’AREA DI COLORE VERDE SI RIFERISCE AD UN SENSORE APS-C — L’AREA DI COLORE ROSSO SI RIFERISCE AD UN SENSORE FULL FRAME.

 

Aree Sfruttate a diverso sensore
Aree definite in relazione alla tipologia del sensore impiegato

 Capite quindi che, fissata la focale (e quindi il cerchio d’immagine), l’angolo di campo (ovvero la scena inquadrata) dipende dalla dimensione del sensore che mettiamo dietro l’obiettivo..

Siamo quindi arrivati a conoscere l’angolo di campo.. ma aspettate, sentite questa..! Se usiamo un obiettivo di focale pari alla diagonale del sensore otteniamo lo stesso angolo di campo dell’occhio umano (circa 43°)..! In questo caso parleremo di obiettivo “normale”..

Visto che la diagonale di un sensore full frame è circa 43 mm, se usassimo un obiettivo normale, cioè un “43 mm”, otterremo la stessa visione dell’occhio umano.. in pratica un “43 mm” non esiste, ma esiste il “50 mm” che è molto simile.. ed è per questo che “il 50 mm” è stato in pellicola l’obiettivo per antonomasia..

Lo stesso discorso vale per i sensori APS-C.. in questo caso la diagonale misura circa 28 mm.. quindi il normale sarebbe il “28 mm” su questo formato, ma in pratica si usa dire che è il “35 mm” a essere normale perché più simile al vecchio “50 mm” della pellicola..

Se ora facciamo il rapporto tra le diagonali dei sensori FF e APS-C otteniamo il fattore di moltiplicazione.. il quale risulta, nel caso di Nikon 1.5 e nel caso di Canon 1.6.. che significa? Che un obiettivo 200 mm avrà su FF una lunghezza focale effettiva di 200 mm, mentre su APS-C nikon avrà una focale equivalente di 300 mm e su APS-C Canon di 320 mm..

Attenzione però.. ci terrei a precisare una cosa..

Di indica  volutamente di focale equivalente.. infatti non è vero che un 200 mm “diventa” un 300 mm.. per farlo dovrebbe cambiare il cerchio d’immagine, cosa che non succede assolutamente..!

La lunghezza focale è un parametro fisico dell’obiettivo e non può dipendere dall’accoppiata obiettivo+sensore.. un obiettivo 200 mm sarà sempre un 200 mm indipendentemente da tutto.. sarà solo l’angolo di campo a cambiare al variare della dimensione del sensore.. per essere più corretti bisognerebbe dire che un 200 mm montato su APS-C ha lo stesso angolo di campo di un 300 mm su Nikon e 320 mm su Canon..

Se avete capito questo, sulle focali non avrete più problemi!

A questo punto, cerchiamo di capire perché  alcuni obiettivi sono adatti al solo formato APS-C (sono quelli definiti DX su Nikon e EF-S su Canon).. il motivo è molto semplice.. essendo un sensore APS-C più piccolo di un sensore Full frame,  le aziende hanno deciso di costruire obiettivi che producano un cerchio d’immagine più piccolo adatto al solo APS-C.. infatti questo si traduce in una dimensione delle lenti minore e quindi in un costo minore.. però non confondete questo con il concetto di lunghezza focale! Semplicemente un 50 mm per APS-C ( DX o EF-S ) montato su un corpo full frame produrrà un immagine completamente vignettata  ai bordi perché non in grado di coprire il sensore full frame..  ma l’angolo di campo sarà identico a quello dato da un 50 mm full frame.. Vediamo le immagini sotto per capire..

fattore-crop-05
50 mm per APS-C ( DX o EF-S )..

 

Aree Sfruttate a diverso sensore
50 mm Full Frame Area Rossa

 

 

 

Come potete vedere l’immagine è la stessa, ma nel secondo caso il cerchio d’immagine non riesce a coprire il rettangolo rosso ( sensore fullframe )..

Forse le idee in merito alla contestualità analizzata sono un poco più chiare o forse no, sicuramente si cerca in qualche modo di essere utili!

 

Foto del profilo di Giordano Fassina

Written by 

Giordano Fassina, nato a Gavirate in provincia di Varese, sono da un ventennio appassionato in modo profondo dell'arte fotografica e mi diletto nel tempo che ho a disposizione a scattare e immortalare tutto ciò che la mia creatività mi suggerisce. La sintesi estrema è amo la fotografia in generale e cerco di esserne sempre più attratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *