ESTATE: FUOCHI D’ARTIFICIO CONTRASTI COLORATI NEL CIELO, COME FOTOGRAFARLI?

Giudizio Complessivo 4.5
Il nostro Lettore 2 4.5
[Total: 2 Average: 4.5]

PREMESSA INTRODUTTIVA

La stagione estiva non è solo caldo afa e altro sui generis, certamente per la delizia di tutti ed in particolare per gli appassionati di fotografia è la stagione principale per godere dei meravigliosi giochi di luce che possono offrire i fuochi d’artificio, che vedono in particolare nel nostro paese ( ITALIA ) oltre ai maggiori artisti e maestri del settore, numerose manifestazioni e sagre dove i cieli sopra di esse vengono a suggello della serata o del periodi di festeggiamento esplosi a salutare tutti coloro che deliziati da succulenti pasti attendono lo spettacolo dal cielo che puntuale arriva.
Per non perdere queste bellissime occasioni, che non si possono avere a disposizione tutto l’anno cerchiamo attraverso questo breve tutorial di dare quei riferimenti di base, atti ad aiutarvi a scattare fotografie, belle, accattivanti e il più possibile corrette sotto l’aspetto esposizione, da poter poi goderne con gli amici in una eccitante presentazione multimediale nelle serate autunnali o invernali quando attraverso di esse è possibile riscaldare i nostri animi.

 

INDICE DELL’ARTICOLO

PREMESSA INTRODUTTIVA

PREPARIAMOCI PER SCATTARE LE FOTO AI FUOCHI

CHE ATTREZZATURA PORTIAMO CON NOI

LA COMPOSIZIONE E LA TECNICA

VEDIAMO I PARAMETRI DI SCATTO

Fuochi-sul-fiume
Colori Contrasti riflessi con i fuochi d’artificio

 

INDICE DELL’ARTICOLO

PREPARIAMOCI PER SCATTARE FOTO AI FUOCHI

Molto importante è  sapere che tipo di attrezzatura fotografica portare con sé e quali parametri impostare sulla nostra reflex, queste informazioni  indubbiamente possono fare la differenza, in quanto i fuochi d’artificio durano pochi minuti o, al massimo alcune decine di minuti quando il committente ha potuto disporre di un buon budget, è palese quindi che non si ha molto tempo durante lo spettacolo per fare delle prove.

Per ottenere il massimo dalla scena che ci troveremo davanti, occorre pertanto un po’ di lavoro e preparazione a casa o ovviamente nel luogo di soggiorno vacanziero, da fare prima di recarci sul palcoscenico naturale, teatro dello spettacolo pirotecnico.

Cerchiamo di capire esattamente dove si terrà lo spettacolo e di analizzare i dintorni del posto ( l’ideale sarebbe effettuare un sopralluogo giornaliero in loco ):

  • ci sono punti panoramici con visuale sulla scena principale, di particolare bellezza, nei dintorni? conoscere una cornice panoramica di particolare effetto potrebbe essere la chiave per effettuare foto splendide durante i fuochi artificiali.
  • il posto sarà raggiungibile facilmente la sera? Cerchiamo di premurarci che ci sia un parcheggio non lontano o che non siano altri fastidiosi ostacoli che si potrebbero rivelare fatali per la nostra sessione di fotografia serale, ciò che di giorno appare con minori o lievi difficoltà logistiche e/o di percorso, al buio tutto può diventare complesso e a volte anche rischioso, ricordiamoci sempre che stiamo divertendoci, andare a mettere in pericolo la nostra salute o quella di chi magari con entusiasmo ci sta accompagnando è cosa assolutamente da evitare;
  • in che direzione soffia il vento? Durante l’esecuzione dello show pirotecnico, si creano grandi quantità di fumo nonchè frammenti dei fuochi esplosi che ricadendo se dovessimo trovarci controvento rispetto alla scena potrebbe impedire di scattare foto di qualità, ma certamente crearci anche e più significativi problemi di sicurezza e incolumità fisica.
  • Non devono spaventare o farci cambiare opinione sulla bellezza di andare a fotografare i fuochi le informazioni riportate, ma giustamente metterci in un ottica comportamentale atta ad essere persone preparate e e responsabili verso l’attuazione di quelle regole di base per fotografare in questi scenari nel modo più sicuro e corretto.
clipart_faq_250x190
Riflettiamo e Adottiamo le Regole

Rispondere a queste domande non è obbligatorio, ma aumenta moltissimo la probabilità che tutto vada al meglio durante la fase operativa.

INDICE DELL’ARTICOLO

CHE ATTREZZATURA PORTIAMO CON NOI

L’attrezzatura consigliata per fotografare fuochi d’artificio è la seguente:
fotocamera;

  • treppiede: avremo bisogno di scattare con tempi lunghi. Avere un treppiede ci aiuta molto nella fase di composizione. Se proprio non lo si ha, si può sempre ricorrere al alternativa di appoggiare la reflex su qualcosa di stabile;
  • ( fortemente consigliato ) telecomandino per lo scatto remoto / cavetto per scatto remoto: molto utile perché permette di utilizzare al meglio la modalità di scatto BULB;
  • Teleobiettivo: utile per riprendere dettagli delle esplosioni dei fuochi. Ad esempio un 70-200mm;
  • Obiettivo grandangolare: da usare per esaltare il panorama.

Consiglio inoltre di portare con sé una piccola torcia, che può tornare sempre utile quando si fa fotografia notturna.

INDICE DELL’ARTICOLO

LA COMPOSIZIONE E LA TECNICA

Abbiamo sostanzialmente due possibilità o in verticale o in orizzontale, personalmente sono votato per  una composizione di tipo verticale, in quanto la dinamica dei fuochi d’artificio si sviluppa verso l’alto. Mi piace cercare elementi che catturino i riflessi dei fuochi, ad esempio laghi/fiumi/mare o qualsiasi superficie d’acqua o vetrate di palazzi riflettenti, questo aiuta indubbiamente a rendere l’effetto e la scena ancora più spettacolare e ricca di colorazioni.

In caso invece voglia esaltare la visuale panoramica, perché di grande impatto, è molto bella anche la composizione orizzontale. Pensate alle classiche foto panoramiche delle grandi città a capodanno!

Vediamo ora i parametri di scatto:

Per ottenere delle belle foto di fuochi d’artificio, occorre utilizzare la modalità interamente manuale M con ISO 100, 4 secondi di tempo di scatto, messa a fuoco ( manuale ) ad infinito e diaframma tra f 9 f/11. Questi sono valori che, solitamente, vanno bene, ma il consiglio è di fare uno scatto di prova all’inizio dello spettacolo come accennavo nel paragrafo introduttivo del presente tutorial  e valutare se l’esposizione è corretta: eventualmente correggete variando i tempi di scatto tra i 3 e i 7 secondi. Se usate il treppiede ricordate di disattivare lo stabilizzatore dall’obiettivo.

Qualora la vostra fotocamera vi permetta di usare la modalità Posa BULB ( su Canon, “posa B” su Nikon, Sony, Olympus e molte altre marche cercate le modalità per lunghe esposizioni ), vi consiglio caldamente di usarla. In questa modalità è possibile controllare solo l’apertura del diaframma e la sensibilità ISO e occorre tenere premuto il pulsante di scatto per il numero di secondi che vogliamo far durare l’esposizione.

Ricordate che è importantissimo scattare guardando lo spettacolo e cercando il momento migliore per iniziare a imprimere la scena sul sensore della reflex: una volta sistemata la composizione, e i parametri della reflex, il giusto tempismo è la chiave per ottenere le foto migliori.

Capite quindi che il controller remoto è fondamentale per poter avere maggior controllo sul momento di scatto, oltre che per evitare di trasmettere vibrazioni alla fotocamera! In caso invece non lo abbiate, utilizzate la modalità di scatto “autoscatto” ( con un tempo breve ) e la modalità M!

INDICE DELL’ARTICOLO

Ti è piaciuto questo articolo? Se sì mi farebbe davvero piacere se volessi condividerlo sui social network usando i pulsanti qui sotto e se cliccassi sul tasto G+ al fine di renderlo più accessibile sui motori di ricerca. Se poi non vuoi perderti nemmeno un mio articolo o video o tutorial, clicca su “Mi piace” nella mia pagina Facebook, seguimi su Twitter  Grazie!

Chiarezza
Completezza
Interesse
Media Generale
Media


ESPRIMI IL TUO GRADITISSIMO GIUDIZIO 

Chiarezza
5
Completezza
4
Interesse
4
Media Generale
4
Media
  Caricamento, attendere prego yasr-loader

Foto del profilo di Giordano Fassina

Written by 

Giordano Fassina, nato a Gavirate in provincia di Varese, sono da un ventennio appassionato in modo profondo dell'arte fotografica e mi diletto nel tempo che ho a disposizione a scattare e immortalare tutto ciò che la mia creatività mi suggerisce. La sintesi estrema è amo la fotografia in generale e cerco di esserne sempre più attratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *