COPPIA TEMPO/DIAFRAMMA “INTRODUZIONE”

Giudizio Complessivo -1
Il nostro Lettore 0 0
[Total: 0 Average: 0]

COPPIA TEMPO/DIAFRAMMA INTRODUZIONE

Per ottenere buone fotografie non è sufficiente guardare all’interno del mirino della nostra macchina e schiacciare il pulsante dell’otturatore tenendo ben ferma tra le nostre mani la reflex,  è necessario saper controllare due parametri considerati per fare fotografia, fondamentali e di seguito evidenziamo:

  1. apertura del diaframma;
  2. tempo di esposizione.

Il diaframma è un dispositivo che si trova all’interno dell’obiettivo. In pratica si tratta di un’apertura a diametro variabile. Fondamentalmente il diaframma serve per controllare la quantità di luce che, penetrando attraverso l’obiettivo, raggiunge il sensore.

Vediamo in seguito alcune immagini/disegni che aiutano a capire il concetto descritto in questa prima parte del nostro Tutorial.

Reg-Tempi-Diaframmi-00
Schema Interpretativo Tempi e Diaframma e relativo passaggio della luce

 

Esposizione-00
Schema di aperture diaframmi dove si può vedere chiaramente che in stretta relazione a un valore di ( f ) basso passaggio di molta luce, più il valore di ( f ) si alza meno luce passa
Reg-Tempi-Diaframmi-01
Schema Grafico Indicativo della gestione Tempi/Diaframma nelle varie situazioni di impiego

Il tempo di esposizione viene controllato da un dispositivo interno alla fotocamera che si chiama otturatore. Attraverso l’otturatore noi ( oppure l’automatismo della macchina fotografica ) possiamo decidere per quanto tempo la luce raggiungerà il sensore.

Sulle vecchie reflex a pellicola di qualche anno fa era presente la scala dei tempi.
Come si vede nella foto in seguito, nelle vecchie reflex era presente una rotella che serviva per selezionare il tempo di scatto desiderato. Oggi vi è comunque una rotella di comando, ma il tempo selezionato viene visualizzato su un display.

Reg-Tv-f-Old-reflex-01
Vecchio Sistema di regolazione dei Tempi su reflex
Reg-Tempi-Diaframmi-02
Nuovo Sistema di Visualizzazione tempi e regolazione degli stessi mediante rotella in basso lato DX

Per fare ulteriore chiarezza in merito alla gestione meglio all’interpretazione del concetto dei tempi sulle nostre macchine, riportiamo dei riferimenti numerici e delle immagini a suffragio di quanto stiamo sostenendo.

Attenzione: 1000 corrisponde ad un tempo di 1/1000 di secondo, 500 ad un tempo di 1/500 di secondo, e così via.

  • 250= 1/250 sec.
  • 125= 1/125 sec.
  • 60= 1/60 sec.

1 corrisponde ad 1 secondo.

Sulle moderne reflex si possono in genere selezionare tempi compresi tra 1/8000 sec. e 30 secondi, più la posa B ( bulb ). La posa B permette di tenere aperto l’otturatore per tutto il tempo desiderato, consente quindi esposizioni lunghe, superiori ai 30 secondi impostabili normalmente attraverso opzioni della fotocamera.

La quantità di luce ( regolata dall’apertura del diaframma ) e il tempo di esposizione                                        ( regolato dall’otturatore ) determinano la quantità totale di luce che raggiunge il sensore mentre scattiamo la fotografia. Essi sono i parametri fondamentali per ottenere una buona esposizione. Per capirlo meglio riportiamo un esempio ormai inflazionato da tutti coloro che vogliano spiegare questo concetto, ma decisamente attuale ed efficace,  immaginiamo di voler riempire un bicchiere d’acqua.

Rubinetto-Diaframma-00
Rappresentazione Grafica del Concetto Apertura Con Valore Molto Alto Poca Luce passa, Apertura molto bassa, Molta luce colpisce il sensore

In stretta relazione al concetto sin qui espresso ed a quanto è possibile comprendere dall’immagine del rubinetto e del secchio, risulta fondamentale comprendere, che l’unica cosa a cui bisogna stare attenti è scegliere la giusta coppia apertura rubinetto/tempo di riempimento. Se sbagliamo per eccesso l’acqua si verserà, se sbagliamo per difetto il bicchiere resterà semivuoto.

Allo stesso modo se sbagliamo la coppia apertura del diaframma/tempo di esposizione per eccesso avremo una foto sovraesposta come quella riportata sotto:

Sovraesposizione-00
Esempio di Immagine Sovraesposta ( Bruciata )

 

viceversa a quanto sopra, se sbagliamo la coppia apertura del diaframma / tempo di esposizione per difetto avremo una foto sottoesposta come quella sotto riportata:

Sottoesposizione-00
Esempio di Immagine Sottoesposta

 

Esposizione-tempi-Posa
Prospetto di Uguale Immagine e Comparazione delle esposizioni “Sotto Normale e Sovraesposta”

Attraverso la coppia tempo diaframma però non si controlla solo la corretta esposizione, ma anche una serie di altri parametri che influenzano in maniera decisiva l’estetica dell’immagine. Ma su questo ci soffermeremo nei prossimi tutorial.

CONCLUSIONE

Questo tutorial è terminato se volete lasciare un vostro commento è graditissimo grazie e buoni scatti e luce a tutti.

LASCIATE IL VOSTRO GIUDIZIO

Chiarezza
0
Completezza
0
Interesse
0
Media Generale
0
Media
  Caricamento, attendere prego yasr-loader

Foto del profilo di Giordano Fassina

Written by 

Giordano Fassina, nato a Gavirate in provincia di Varese, sono da un ventennio appassionato in modo profondo dell'arte fotografica e mi diletto nel tempo che ho a disposizione a scattare e immortalare tutto ciò che la mia creatività mi suggerisce. La sintesi estrema è amo la fotografia in generale e cerco di esserne sempre più attratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *